E-mail Mappa del sito Home Page
MANIFESTAZIONI A PREMIO

D.P.R. N. 430 del 26/10/2001

NUOVA DISCIPLINA DELLE MANIFESTAZIONI A PREMIO. APPROVAZIONE TARIFFE A CARICO DEI SOGGETTI PROMOTORI PER LA PARTECIPAZIONE DELLA CCIAA DI FROSINONE AI CONCORSI A PREMIO.
D.P.R. N.430 DEL 26.10.2001
Il 12 aprile 2002 è entrata in vigore la nuova disciplina (Regolamento) delle manifestazioni a premio (operazioni pubblicitarie finalizzate a promuovere la conoscenza e la vendita di determinati prodotti o servizi), introdotta dal DPR 430/2001. Lo scopo delle manifestazioni a premio è, come testualmente recita il comma 1 dell'articolo 1 del Regolamento, quello di "favorire la conoscenza di prodotti, servizi, ditte, insegne, marchi o la vendita di determinati prodotti o la prestazione di servizi aventi, comunque, fini anche in parte commerciali". La disposizione regolamentare prevede, però, anche che l'oggetto della manifestazione a premio possa consistere nel perseguimento di un fine "anche in parte commerciale" facendovi, evidentemente rientrare quelle fattispecie di iniziative che, pur costituite da eventi di carattere non commerciale (es sportive, culturali, etc.) presentino un evidente collegamento tra promessa di un premio e l'immagine della ditta, del marchio o di un prodotto commerciale.
Le principali modifiche apportate dal Regolamento alla disciplina preesistente riguardano: il passaggio dell'attività di vigilanza e controllo dall'Agenzia delle Entrate al Ministero delle Attività Produttive; il passaggio dal regime autorizzatorio ad un sistema liberalizzato.
Le manifestazioni a premio si distinguono in:
CONCORSI A PREMIO riguardanti le manifestazioni pubblicitarie in cui l'attribuzione dei premi offerti, ad uno o più partecipanti ovvero a terzi, anche senza alcuna condizione di acquisto o vendita di prodotti o servizi, dipende dalla sorte o dall'abilità o capacità dei concorrenti;
OPERAZIONI A PREMIO riguardanti le manifestazioni pubblicitarie che prevedono la distribuzione dei premi a tutti quelli che acquistano un determinato uantitativo di prodotti o servizi, oppure vengono offerti regali a tutti quelli che acquistano un determinato prodotto o servizio.
Per i concorsi a premio è previsto per i soggetti promotori solo l'obbligo della
"comunicazione" dell'avvio del concorso al Ministero Attività Produttive, compilando un apposito modulo a cui va allegato il regolamento e la documentazione che prova l'avvenuto versamento della cauzione pari al valore totale dei premi. Le Camere di Commercio possono essere direttamente coinvolte (tramite istanza in carta libera di cui si fornisce il modello) nella fase della individuazione dei vincitori (art. 9 del reg.):
l'individuazione dei vincitori del concorso a premi dovrà essere effettuata alla presenza di un notaio o del "responsabile della tutela del consumatore e della fede pubblica" competente per territorio e individuato presso ogni Camera di Commercio ai sensi dell'art. 20 del D.Lgs.
112/98 (uno o l'altro a scelta dell'impresa promotrice). Andrà da essi redatto apposito verbale secondo una schema predisposto dal Ministero.  Per le operazioni a premio è stabilito l'obbligo di redazione e conservazione del regolamento autocertificato presso la sede dell'impresa promotrice, purché sia stato preventivamente adottato un regolamento dell'operazione e sia stata prestata una cauzione pari al 20% del valore dei premi, ed è esclusa solo quando il premio è corrisposto unitamente al prodotto o servizio promozionato. Il soggetto promotore dovrà, altresì, inviare comunicazione, tramite il modulo riportato di seguito, dell'avvenuta prestazione di cauzione nonché, prima dell'inizio della manifestazione, il documento originale attestante la costituzione della cauzione. La cauzione va prestata a favore del Ministero Attività Produttive e si intende svincolata dopo 12 mesi dal termine della manifestazione o, solo per i concorsi, decorsi 180 giorni dalla trasmissione al
Ministero del processo verbale di chiusura redatto dal notaio o dal funzionario della Camera di Commercio.
Gli obblighi a carico dei soggetti promotori degli adempimenti di natura amministrativa sono assolvibili mediante l'esclusivo utilizzo della seguente modulistica, appositamente predisposta dal Ministero, allegata alla Circolare Ministeriale n.1/AMTC del 28 marzo 2002:
comunicazione di svolgimento dei concorso a premio (mod. PREMA CO/1);
comunicazione di prestazione della cauzione per le operazioni a premio (mod. PREMA OP/1);
verbale di chiusura del concorso a premio (mod. CO/PV);
scheda di chiusura del concorso a premio da allegare al modello CO/PV (mod. PREMA CO/2).
Le modalità di invio delle comunicazioni nonché le istruzioni per la compilazione sono riportate nella circolare ministeriale 28 marzo 2002, n. 1/AMTC. Ulteriori informazioni sono disponibili sul sito Internet del Ministero delle Attività Produttive.
Il Ministero ha anche attivato il numero verde 800-300103 che risponde tutti i giorni dalle 10 alle 14 e l'indirizzo di posta elettronica: m.premioinfo(at)minindustria.it per fornire informazioni sugli adempimenti richiesti ai promotori delle manifestazioni. E' possibile ottenere informazioni telefoniche anche presso la Camera di Commercio di Frosinone al numero 0775-275214 oppure all'indirizzo e-mail: antonietta.ferrara(at)fr.camcom.it
A seguito di quanto disposto dal citato regolamento e relativa circolare Ministeriale di attuazione nonché a quanto previsto nella Convenzione stipulata tra M.A.P. e UNIONCAMERE, la Camera di Commercio di Frosinone, ha previsto con deliberazione n.160 del 15.07.2002, per i soggetti promotori dei concorsi a premio che volessero avvalersi della prestazione del responsabile della fede pubblica, tariffe e conseguenti modalità di versamento, come dal prospetto tariffe a carico dei soggetti promotori.