E-mail Mappa del sito Home Page
Dettaglio

DAL 25 MAGGIO ENTRA IN VIGORE IL NUOVO REGOLAMENTO EUROPEO SULLA PRIVACY

Dal 25 maggio 2018 sarà definitivamente applicabile, con relative sanzioni, il nuovo Regolamento europeo 679 del 2016 in materia di protezione dei dati personali General data protection regulation GDPR. A quella data dovrà essere garantito l'allineamento fra la normativa nazionale in materia di protezione dati e le disposizioni del Regolamento stesso (il testo del Regolamento è stato pubblicato il 24 maggio del 2016 sulla Gazzetta Ufficiale dell’Unione Europea). A brevissimo dovrebbe essere approvato un decreto di raccordo ma, ad oggi, non ci sono ancora purtroppo informazioni certe in merito.

 

E' in onda sui canali radio e TV della Rai lo spot del Garante sul nuovo Regolamento europeo intitolato "La protezione dei dati è un diritto di libertà" che presenta al grande pubblico le principali novità introdotte dalla nuova normativa europea in materia di protezione dei dati personali.

 

Maggiori informazioni sul tema si possono trovare, inoltre, sul sito del Garante della Privacy su cui è disponibile anche la Guida all'applicazione del Regolamento. Nell’attesa del decreto di raccordo, formatori e consulenti consigliano alle associazioni che hanno già adottato una gestione base (quindi conforme alla normativa sul trattamento dei dati personali ancora in vigore - D.Lgs. 196/2003: gestione dati di volontari, fornitori, utenti), di iniziare tempestivamente almeno ad esaminare/confrontare quanto già utilizzato (ad esempio: informative, consenso al trattamento, eventuale Dps – Documento Programmatico Sicurezza) con quanto delineato dalla Guida del Garante Privacy verbalizzando/documentando in un Direttivo e/o Assemblea il fatto che l’associazione è al corrente dell’entrata in vigore del GDPR e sta valutando la conformità di quanto fatto fino ad ora con l’intento di colmare eventuali lacune per adeguarsi a breve a quanto richiesto.

 

Altra indicazione. Le associazioni che fanno parte di un Coordinamento/Federazione nazionale possono poi far riferimento all’associazione  madre per conformarsi a quanto valutato/deciso sul tema attraverso consulenti/esperti nel campo di attività specifico.

Il CSV Società Solidale, cercherà, per quanto possibile, di aggiornare le associazioni in maniera tempestiva su eventuali novità e/o chiarimenti ed è comunque a disposizione per informazioni.