E-mail Mappa del sito Home Page
Dettaglio

CEVA - LA SQUADRA AIB PR IL SERVIZIO DI “PRONTO SPESA” PER ANZIANI SOLI E REALTA’ FRAGILI CEBANE

Il Comune di Ceva ha attivato, per alleviare i disagi dovuti alla emergenza Covid 19, il servizio di “spesa” per le persone fragili, sole, anziane e bisognose di un aiuto particolare.
La squadra Aib di Ceva ha l’incarico di effettuare questo importante servizio per la popolazione. Dotati di protezioni messe a disposizione dell’assessorato alla Protezione civile di Ceva, i volontari raccolgono le richieste telefoniche degli utenti e si recano a fare acquisti ed a recapitarli a destinazione.
Spiega Giorgio Gonella segretario Aib: «Vagliamo i casi che ci giungono, prepariamo la lista per la spesa e cerchiamo di raggiungere la precisione delle richieste per dar modo alle persone di ricevere a casa ciò che ad esse è necessario e ciò che ad esse fa piacere. Il supermercato in cui ci rechiamo, in via Consolata, ci dà pieno appoggio e piena collaborazione e questo fa sì che l’incarico venga svolto al meglio. Evitiamo ogni possibile contatto con gli utenti per mantenere lo stato di sicurezza sia per noi che per le persone che si rivolgono a noi. Siamo attivi e siamo contenti di poter in qualche modo essere utili verso chi, in questo momento, non ha soltanto bisogno di cibo ma anche di una breve, semplice ma gradita attenzione».
Sempre nell’ottica della collaborazione e della disponibilità in questo difficile periodo di forzato ma indispensabile isolamento sociale, la squadra Aib di Ceva si è attivata per la consegna al domicilio degli interessati, dei pacchi che la Caritas ed il Volontariato Vincenziano avevano preparato.
Prima di Pasqua l’ispettore provinciale Aib Pastorello a nome del Corpo Aib Piemonte, ha consegnato al vice comandante di distaccamento Andrea Canavese, un significativo quantitativo di uova di Pasqua “Kinder Ferrero”, per i volontari della squadra Aib Protezione civile di Ceva che stanno operando sul territorio per l’emergenza Covid-19.
Ogni volontario ha deciso di destinare i rimanenti dolci pasquali alla Comunità di padre Francesco ed alla struttura diurna dell’Asl in via XX Settembre di Ceva.